Analisi energetica con il BIM per una progettazione sostenibile ed efficiente – Intervista con Fondital

Perché introdurre il Building Information Modeling (BIM) per raggiungere una maggiore sostenibilità anche nel settore termotecnico e in che modo i processi di costruzione digitale possono migliorare la progettazione e l’analisi energetica, ottimizzandone l’efficienza? 

Lo abbiamo chiesto a Giovanni Fontana, BIM Specialist di Fondital.

Che tipo di azienda è Fondital?

Fondital è un’azienda italiana fondata nel 1970 a Vestone, in provincia di Brescia. Leader a livello internazionale di sistemi di riscaldamento e produttore di getti strutturali per il settore automotive. Fondital fa parte di Silmar Group, moderno gruppo industriale, composto da aziende appartenenti a differenti settori.

Scopri gli oggetti BIM di Fondital.

BIM e sostenibilità: prospettive nel settore termotecnico

La sostenibilità oggi non è una scelta. Da tempo, infatti, non soltanto alle aziende produttrici, ma ad ogni attore presente sul mercato è richiesto di svolgere la propria attività incrementando la sostenibilità ambientale. Per raggiungere tale obiettivo è importante sfruttare ogni strumento a disposizione valorizzando al meglio le risorse e i processi e, in questo senso, il BIM è in grado di fornire un concreto supporto. 

Se inizialmente la sua forza risiedeva nell’uniformare i progetti riducendo la percentuale di errore, adesso a questo vengono aggiunti importanti plus proprio legati alla sostenibilità. Impiegando il BIM è infatti possibile effettuare un’approfondita analisi energetica preventiva riuscendo a valutare e quantificare l’efficienza e il funzionamento di ogni impianto. In questo modo i tecnici possono avere una panoramica chiara e completa dei consumi optando per i prodotti e le soluzioni più efficienti.”

Il BIM ha un ruolo centrale per la sostenibilità in molti settori: scopri perché è essenziale per rispettare la legge europea sul clima.

Perché realizzare oggetti BIM e in che modo rendere i processi più efficienti?

“L’obiettivo principale per Fondital è quello di fornire prodotti e servizi di qualità per rispondere alle diverse necessità dei propri partner e clienti. Per farlo è importante essere sempre aggiornati sulle novità, per questo abbiamo introdotto il BIM nei nostri processi, e quindi gli oggetti BIM nei nostri servizi. È infatti una metodologia, così come un processo, innovativa ed efficace che consente di progettare con precisione impianti più o meno complessi.”

La diffusione del BIM procede a ritmi sempre più sostenuti. Anche nella termotecnica è un innovativo supporto nell’affrontare le sfide del settore?

Prosegue Fontana: “Assolutamente sì. Quando ci si rivolge ad un target complesso come il nostro, composto da tecnici, progettisti, ingegneri e altre professionalità del settore termotecnico è importante parlare la stessa lingua. Per questo il BIM è un’importante risorsa in grado di creare un linguaggio universale comune ad ogni professionista nel mondo.”

Grazie al BIM, la progettazione è sempre più interdisciplinare e collaborativa: scopri perché la progettazione non può prescindere dalla digitalizzazione nell’intervista a Calcestruzzi.

Qual è la vostra opinione sull’esperienza con BIMobject?

“Abbiamo iniziato a proporre alcuni dei nostri prodotti in BIM nel 2017. Inizialmente siamo stati supportati da un consulente di BIMobject che ha affiancato le nostre risorse in un percorso formativo. Tale servizio è stato di grande aiuto e può effettivamente fare la differenza per aziende che, come noi, decidono di cimentarsi con la progettazione in BIM. Da qui abbiamo iniziato a strutturare il nostro catalogo in BIM fino ad arrivare ad oggi con la gamma prodotti interamente impostata sia in lingua inglese che per altri mercati internazionali ottenendo importanti risultati in termini di visibilità e download in tutto il mondo.”

Nel 2021 BIMobject ha raggiunto 100 milioni di download: scopri le opportunità alla portata dei produttori.

Sfida energetica e sostenibilità: quali sono i rischi e le opportunità che ci attendono?

“Senza dubbio stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione in termini energetici. Svariate sono le sfide che gli attori del nostro settore devono affrontare: dal controllo e monitoraggio dei consumi alla riduzione degli stessi. Altro argomento caldo è anche quello dei nuovi vettori energetici che sta prendendo sempre più piede e che implica una profonda riflessione e riesame dei processi.”

Qual è il vostro consiglio per approcciarsi bene alla digitalizzazione e al mondo BIM? 

“In primo luogo, di non sottovalutare la complessità di tale decisione. È infatti necessaria una buona conoscenza degli strumenti tecnici legati alla progettazione. Come ognuno di essi anche il BIM ha delle peculiarità che possono essere apprese grazie ad una buona formazione. Proporre il BIM significa anche confrontarsi con le figure chiave del mondo tecnico, perciò, è importante avere un team di esperti in grado di fornire un servizio completo ed efficiente.”

Ti piacerebbe ottimizzare i processi di analisi energetica e rendere più efficiente la progettazione con gli oggetti BIM? 

Lasciati guidare da un esperto BIMobject.

La necessità di progettare edifici ecologici

08 giugno 2022

Che cosa significa progettare in modo ecologico? E come fa un architetto? Abbiamo fatto una chiacchierata con Negar Daneshpour, Lead Architect presso Tyréns, per conoscere il suo punto di vista su architettura sostenibile, dati climatici e BIM.

Scorri verso l'alto