In che modo le aziende produttrici possono contattare gli architetti anche senza fiere di settore

Niente più interazioni vis-à-vis. Niente viaggi. Niente fiere in presenza. In questo periodo, le aziende produttrici di tutto il mondo sono alla ricerca di nuovi modi per contattare gli architetti nella nuova normalità del COVID-19. 

In che modo le aziende produttrici possono contattare gli architetti anche senza fiere di settore

Ma come reagisce il settore AECO (architetti, ingegneri, imprese edili e proprietari/gestori di immobili) all'attuale crisi? E tu, in quanto produttore, come puoi adattarti alle loro esigenze? Approfondiamo l'argomento sulla base dell'esperienza di veri professionisti.

Questo articolo è la sintesi di "Le fiere sono state posticipate: Come contattare gli architetti anche senza fiere di settore. Ricevi subito l'articolo completo!

 

La nuova normalità del COVID-19: Un mondo senza fiere


I ruggenti anni (20)20 sono cominciati male: distruzione della natura, disordini politici e una pandemia che ha sconvolto il mondo intero. Come se non bastasse, il 2020 era anche un anno bisestile…

Il COVID-19 ha provocato una crisi globale senza precedenti che ha colpito tutti gli strati della società. Per il settore delle costruzioni il problema è semplice, ma serio: il virus si diffonde da persona a persona. Quindi, non è più possibile partecipare a nessun evento in contrasto con le restrizioni del distanziamento sociale.

In un batter d'occhio, in tutto il mondo le fiere sono state sospese. 


BIMexpo a Madrid, Coverings a New Orleans e il Salone del mobile di Milano sono stati tutti cancellati e (forse con troppo ottimismo) rinviati al 2021. Il BAU di Monaco di Baviera ha scelto un approccio diverso, decidendo di passare interamente al digitale a gennaio 2021.

Lì per lì, vedendo che anche il momento più atteso dall'intero settore era stato annullato, le aziende produttrici sono rimaste sbigottite – e lo sono ancora – all'idea di dover comunicare, fare marketing e vendere i propri prodotti nella "nuova normalità" del COVID-19.

 

Le fiere di settore torneranno mai come prima? 


Secondo il sondaggio di BIMobejct, oggi solo il 7% dei professionisti dell'architettura, dell'ingegneria e dell'edilizia sarebbe disposto a partecipare a un evento in presenza, mentre il 43% intende aspettare fino a quando non si registreranno più casi o non saremo vaccinati.

I recenti sviluppi in questo campo stanno infondendo un po' di speranza in uno scenario finora alquanto tetro. Detto questo, è facile pensare che un giorno tutto "tornerà alla normalità". Tuttavia, la "normalità" potrebbe non essere più quella a cui eravamo abituati quando finalmente il COVID-19 sarà stato sconfitto.

Ora non vogliamo creare allarmismi, né dichiarare che le fiere siano morte definitivamente. Sono importanti, e un giorno ritorneranno. Ma la domanda da un milione di dollari è quando, come, in quale forma e per quali scopi.

Le fiere di settore torneranno mai come prima?


Niente viaggi? Allora niente fiere

La pandemia ha messo in luce l'importanza dell'igiene, ha imposto un nuovo codice di condotta sociale e ci ha resi acutamente consapevoli dei rischi per la salute nella nostra vita quotidiana. 

Tutti noi siamo stati in qualche modo colpiti dall'epidemia. Ma un settore in particolare è stato indicato come il vero colpevole del coronavirus: quello del turismo e dei viaggi.

In che modo questo ci riguarda? Il fatto è che poter viaggiare è fondamentale per la vita delle fiere. Senza le persone, le aziende perdono l'opportunità di instaurare nuove relazioni e di entusiasmare i professionisti del settore con nuovi prodotti.

Anche dopo il COVID-19, la maggior parte degli architetti viaggerà meno di prima


La cattiva reputazione dei settori del turismo e dei trasporti perdurerà anche dopo la fine della pandemia? Purtroppo la risposta è: probabilmente sì. 

• Il 55% degli intervistati nel nostro sondaggio prevede che viaggerà di meno anche dopo la pandemia.

Come abbiamo già detto: le fiere torneranno. Ma il COVID-19 ci ha reso un po' più cauti riguardo ai rischi per la nostra incolumità personale. Durante la prima parte del nostro webinar LIVE (versione registrata), Emil Augustusson, responsabile VDC di Veidekke Entreprenad, ha dichiarato:

"Anche dopo il COVID, recarsi a una fiera significherà correre il rischio di contrarre altre malattie, che potrebbero tenerci lontani dal lavoro per settimane. Questo nuovo senso di consapevolezza potrebbe influire sulla capacità, e persino sulla volontà, di recarci a una fiera in futuro."

Il 46% degli architetti effettua ricerche di prodotti online


Uno dei principali vantaggi delle fiere è che offrono ai produttori l'opportunità di mettere in mostra nuovi prodotti e di illustrare i nuovi sviluppi.

Tuttavia…

Il sondaggio svela una netta frattura nelle aspettative degli intervistatii professionisti del settore AECO non vanno in fiera per fare ricerche sui prodotti. Invece, il 45% ci va per seguire corsi di formazione e conferenze. 

Quindi, la domanda è: come cercano i prodotti che utilizzeranno per il loro prossimo importante progetto? Il 46% dichiara di utilizzare i motori di ricerca. Solo il 9% si affida alle fiere.

Cosa significa questo per le aziende produttrici? Che occorre aumentare la presenza digitale se si vuole creare interesse per i propri prodotti, generare lead e farsi scegliere.
Scopri in che modo la "piazza" di BIMobject permette ai produttori di parlare agli architetti online. 

 

Gli strumenti digitali stanno diventando la norma nel settore delle costruzioni


Dallo scoppio della pandemia, il mondo ha visto una svolta senza precedenti nell'adozione degli strumenti di digitalizzazione. In un solo giorno, aziende di tutto il mondo si sono viste costrette a passare dalle attività in presenza al loro equivalente virtuale.

Il comparto delle costruzioni viene spesso considerato tradizionalista e tecnologicamente arretrato. Ma per i professionisti del settore, le cose stanno iniziando a cambiare: il 52% di essi ritiene che la pandemia abbia reso il loro lavoro "molto più digitale”.

Gli strumenti digitali stanno diventando la norma nel settore delle costruzioni

È solo una felice coincidenza? O questo trend continuerà? I partecipanti al sondaggio sembrano puntare sulla seconda possibilità: il 61% prevede che utilizzerà più strumenti digitali anche dopo la crisi.

 

Le aziende produttrici devono digitalizzarsi per vendere agli architetti


Il COVID-19 ha stimolato la necessità degli strumenti digitali, e lentamente ma inesorabilmente sta diventando parte integrante della ”nuova normalità”.

I professionisti del settore delle costruzioni si stanno abituando all'ambiente di lavoro virtuale e ai nuovi strumenti. La loro maturità in campo digitale aumenta giorno dopo giorno e si aspettano che tu segua il loro esempio.

L'attuale processo di digitalizzazione pone una sfida e rappresenta un'opportunità significativa per un settore tradizionalmente conservativo. Ma il punto è che le aziende produttrici devono iniziare ad adattare le loro strategie e ad adottare nuovi strumenti per stare al passo con gli architetti nella "nuova normalità" e oltre.

 

Vuoi saperne di più? Scarica Le fiere sono state annullate: come parlare agli architetti nella nuova normalità per ulteriori dati statistici e approfondimenti di settore.

 

Piccolo promemoria: la seconda parte verrà pubblicata nel primo trimestre 2021. Tieni gli occhi aperti e seguici su LinkedIn per riceverla non appena sarà disponibile.

Scorri verso l'alto